Un’onda di erotismo

Ho notato che il mio raccontino di qualche giorno fa, ha attirato molti lettori. Il sesso esplicito piace. Io mi sono sempre definita un’autrice soft erotica, ma anche nelle mie storie più romantiche il sesso c’è ed è ben descritto, pur usando una certa eleganza.
Il mio Onda d’Amore, per esempio, pur essendo il racconto che più appartiene al genere Romance, presenta delle situazioni piccanti. Aria e Zeno lo fanno, scopano anche forte, pur essendo tutto guidato dal sentimento che li lega. C’è un episodio in particolare, dopo la loro prima volta, avendo intuito che lei stava diventando troppo importante per lui, Zeno cerca di allontanarla trattandola rudemente, ma Aria se la cava alla grande:
“– Sei tornata – disse lui, il timbro privo di qualsiasi emozione.
– Anche tu. –
Zeno si limitò ad alzare le spalle mugugnando, ma non si mosse. Erano lì, con uno spazio enorme nel mezzo, un baratro. Possibile che si fosse già esaurito l’ingrediente speciale che li aveva uniti e non ci fosse più nulla da dirsi? No, non poteva essere così, non poteva accettarlo.
– Rimaniamo qui a guardarci tutto il pomeriggio? – Lo sfidò, osservandolo ghignarle di rimando.
– Perché, hai un’idea migliore? Vuoi scopare? –
Aria si accorse che aveva di nuovo tirato su la maschera e faceva il galletto menefreghista.
Ma lei non era disposta a farsi spaventare da quell’atteggiamento. Era convinta che il più spaventato fosse proprio lui. Era più facile scappare che affrontare i propri sentimenti.
– Sì, voglio scopare– lo incalzò, tenendo la testa alta e cercando di mostrare la sicurezza che le mancava totalmente.
Lui la prese per mano e la trascinò verso un androne isolato. Quel quartiere era pieno di vecchie case semi abbandonate. Si appoggiò con la schiena contro il muro e la guardò con un sorriso beffardo.
– Ormai sai come si fa, succhiamelo! Aria tentennò. Quel posto era squallido, sporco e maleodorante. Non le era chiaro il suo gioco, ma non era disposta a farsi liquidare, solo perché lui non aveva il coraggio di impegnarsi e voleva far passare la loro storia come qualcosa da poco. Un semplice incontro di sesso. Gli appoggiò le mani sui fianchi, calandosi in ginocchio davanti a lui. Bloccò la mano che si era spostata in avanti per fermarla e lo guardò dritto negli occhi, prima di slacciare i pantaloni e abbassare i boxer, liberando la sua erezione. Le labbra andarono a premere contro la pelle bollente del suo membro, guidando tutto il gioco e lasciandolo inerme contro la parete a soffocare gli ansimi. Sentendo la sua eccitazione crescere, prese a spingere di più, facendolo penetrare sempre più a fondo nella gola. Un paio di volte esagerò, sentendosi quasi soffocare, ma non le ci volle molto per aggiustare il tiro . Lui era in suo potere , ora. Quando Zeno, con un colpo di reni, venne, Aria ingoiò il suo seme caldo, cominciando ad abituarsi a quel sapore strano. In fondo, non le dispiaceva. Lui la prese di sorpresa quando la afferrò per i polsi, sollevandola come se pesasse come una piuma.
– E brava la santarellina. Ti senti una donna navigata, adesso? –
Aria notò il suo tono sprezzante, quasi rabbioso, anche se non era chiaro se ce l’avesse con lei o con se stesso.
– Hai ragione, mi sento una donna. La tua donna! –
Si stupì del proprio tono fermo. In realtà sentiva la terra franarle sotto i piedi: se lui l’avesse rifiutata, sarebbe stata la fine del mondo. La baciò, invece, con ancora più passione rispetto al giorno prima.
Pensò fosse uno strano ragazzo, con una lotta interiore in pieno svolgimento, ma lei era riuscita a portare un po’ di pace nel suo cuore.
Due anime tormentate avevano trovato rifugio l’una nell’altro, traendo forza da quei sentimenti così precari che si aggrappavano ai loro corpi come un’edera rampicante.”
Tratto da Onda d’Amore di Lily Carpenetti per Delos Digital nella Collana Senza Sfumature, disponibile in ebook nei principali store digitali.

image

Annunci

Informazioni su calloflife

Sono un'autrice soft erotica tra fantasy e gender short stories. Potete trovare i miei racconti in ebook sulle principali piattaforme digitali.
Immagine | Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...