Racconto spinto

Propongo qui il racconto che avevo preparato per un concorso che è stato poi annullato. Non è l’erotismo patinato a cui vi ho abituati, era la prima volta che scrivevo qualcosa di veramente spinto e speravo di venir selezionata. Spero che apprezzerete.

ATTENZIONE, CONTENUTI SESSUALI ESPLICITI, V.M.18. CHI CONTINUA A LEGGERE DICHIARA DI ESSERE MAGGIORENNE E CONSAPEVOLE DI TROVARSI DAVANTI A UN RACCONTO PORNO.

FACCIAMOLO IN TRE

“Tutto a posto?” Le chiese la donna con un sorriso ampio che le scopriva tutti i denti bianchissimi, in contrasto con il rosso acceso delle labbra carnose.

A Marianna non piaceva troppo quella ragazza, non si fidava di lei, ma l’aveva stuzzicata la proposta bizzarra e un tantino perversa: mostrarsi nuda e vogliosa davanti a una coppia di estranei che scopava. E poi, l’uomo non era niente male, non le dispiaceva affatto l’idea di mostrarsi a lui e toccarsi davanti al suo sguardo voluttuoso.

Al solo pensiero, il pizzo del perizoma si era infradiciato del suo umore vischioso e i capezzoli si erano rizzati, mostrandosi a rilievo oltre la maglietta di raso. Non portava il reggiseno e si notava: aveva delle tettine piccole e sode che stavano su da sole, come due bon bon con la ciliegina rotonda nel mezzo, pronta per essere succhiata.

“Tutto sistemato, vengo con voi” affermò sicura, passandosi la lingua sul labbro superiore e fissando l’uomo, che abbassò lo sguardo, decisamente a disagio.

Era venuta in quel locale proprio per rimorchiare, ma la sua amica era una palla, aveva trovato un ragazzo galante e si era appartata a pomiciare su un divanetto, come un’adolescente.

A lei il sesso occasionale di quel genere era venuto a noia, era sempre la stessa storia: arrivare in discoteca, attirare l’attenzione, per poi farsi scopare dal più appetibile che si faceva avanti. Ma dopo il brivido della conquista, tutto scemava, lasciandola vuota e delusa. Ormai aveva provato un po’ di tutto: uomini, donne, giovani, maturi, davanti, di dietro, persino qualche semplice gioco di ruolo. Ma la coppia di scambisti era una novità, anche se nella proposta si parlava solo di guardare. Avrebbe saputo lei come farsi coinvolgere nel rapporto.

Aveva battuto sulla spalla di Katia, che si stava facendo già palpeggiare tutta, per avvertirla semplicemente che aveva trovato compagnia e che se ne stava andando.

Non c’erano più ostacoli.

Marianna si fece accompagnare dalla coppia di fidanzati, ma prima di salire in auto, fotografò la targa della macchina con il suo smartphone.

“Così, giusto per stare tranquilla” spiegò. “L’ho inoltrata alla ma amica Katia, se non dovessi tornare, sa dove venirmi a cercare!”

“Non ce n’era bisogno” la rassicurò seccamente Silvia. “Ti avremmo mostrato i documenti, una volta a casa, bastava chiedere.”

La ragazza non obbiettò e si sistemò sul sedile posteriore, preparandosi a un tragitto silenzioso; solo Silvia la ragguagliava di tanto in tanto con qualche dettaglio, ricordandole la sua parte in quell’incontro:

“Non dovrai partecipare attivamente al rapporto. Il tuo ruolo è quello di semplice spettatrice, anche se, puoi divertirti come vuoi con il tuo corpo.”

“Oh, lo farò!” Rispose secca Marianna, fissando lo specchietto davanti a sé, nel cercare il riflesso dello sguardo del guidatore. Quegli occhi da gatta, verdi come smeraldi, ornati da lunghissime ciglia nere, rivelavano l’animo della predatrice che si nascondeva dietro al viso pulito della ragazza.

Una volta a casa della coppia, non si persero in convenevoli, ma entrarono direttamente in camera da letto.

Silvia indicò a Marianna la poltrona, dove avrebbe potuto sistemarsi a suo piacimento. Ma lei preferì spogliarsi, prima di sedersi, e lo fece con una sensualità degna della più esperta ballerina di burlesque.

Lasciò cadere a terra il tubino nero, da cui uscì con grazia, scalciando leggermente un piede dopo l’altro e facendo ondeggiare davanti a loro le natiche scolpite. Tenne le decoltè nere ai piedi: era dell’idea che non ci fosse nulla di più sensuale di una donna nuda sui tacchi.

Si tolse invece la maglia, parandosi statuaria di fronte a loro e continuò il suo divertente siparietto, passando due dita, dalle unghie laccate, all’interno della patta anteriore delle già ridotte mutandine, tirandole verso l’alto e sentendo il filo torturarle il clitoride, già gonfio per l’eccitazione; mentre al suo pubblico lasciava lo spettacolo delle grandi labbra glabre che avvolgevano la fibra sottile.

Fu subito chiaro che Silvia si sentiva in competizione con quella cagna esibizionista, dalla quale quell’ebete di Paolo non riusciva a staccare lo sguardo. La prima idea, quella di abbordare un ragazzo per farsi guardare mentre scopavano, si affermava la migliore, man mano che il tempo scorreva.

Ma ormai erano in ballo e si doveva ballare; non aveva nessuna intenzione di sfigurare.

Si voltò verso il suo compagno e gli ficcò la lingua in bocca, arrivandogli fino all’ugola, mentre gli afferrava l’inguine, ingrossato dal desiderio, con la mano ad artiglio, forse un po’ troppo forte perché lo sentì sobbalzare.

Se lo meritava!

Quella troia flirtava con lui, che non faceva nulla per sottrarsi alle sue attenzioni.

Marianna si era messa comoda sulla poltrona e sembrava perfettamente a suo agio in quella situazione, infatti, non abbandonava lo sguardo spavaldo.

Si sentiva forte e vincente.

Non era sempre così spregiudicata, ma il frangente era piccante, adatto a far uscire la parte più porca di sé.

Si concentrò su quel piccolo ritaglio di stoffa, che ancora bardava il suo corpo, facendo scorrere con sapiente lentezza l’elastico del perizoma giù per le cosce; sollevando e flettendo in aria le lunghe gambe per rivelare la vulva infradiciata.

Non c’era nulla di volgare nei suoi gesti, ma lasciava vedere quel che serviva per accendere l’atmosfera.

Intanto, guardava Silvia che aveva spogliato il suo uomo e gli si era abbarbicata addosso, come una ballerina di Poll Dance avvinghiata all’asta. Lui le aveva scoperto la parte inferiore del corpo, tirando su il vestito e strappandole con foga le culotte di seta.

Paolo era al limite, si capiva.

Scalpitava per ficcare il suo cazzo, tanto duro da fargli male, in un anfratto caldo e pulsante; anche se, la fica sbrodolante di Marianna sembrava un’attrattiva più appetibile di quella di Silvia.

La fidanzatina si strusciava contro il suo corpo, che aveva provveduto a scoprire a sua volta, ma lui continuava a guardare lo spettacolo davanti a sé e lei ne era consapevole.

Nello stesso istante che Paolo prese Silvia sopra di sé, sistemandosi sul bordo del letto e penetrandola senza troppa delicatezza, Marianna iniziò a giocare con il proprio corpo, certa che, anche dalla posizione semi distesa, l’uomo avrebbe cercato in tutti i modi di non perdersi la visuale.

Unì due dita e le leccò sensualmente, indugiando nell’entrare e uscire dalla bocca, insalivandole per bene, prima di portarle a toccare un capezzolo. Lo prese fra le dita, mimando il gesto della forbice e buttò il capo all’indietro, divaricando completamente le gambe e lasciandosi sfuggire un mugolio.

Il gioco che Paolo e Silvia avevano proposto si era completamente ribaltato: loro erano partiti con l’intento di eccitare uno spettatore con i loro amplessi focosi, ma era la platea che stava attirando tutta l’attenzione su di sé, infiammando le fantasie di Paolo, fino al parossismo, spingendolo a stantuffare la fregna colante della compagna con una foga che non aveva mai mostrato prima.

Le dita di Marianna continuarono a scendere lungo l’addome, mentre l’uomo affondava selvaggiamente il membro duro dentro Silvia, reggendola per le natiche.

La ragazza, sporgendosi in avanti sul bordo della poltrona, iniziò a masturbarsi, allargando le grandi labbra e scoprendo il clitoride turgido e madido di eccitazione. Le dita eleganti presero a frugare nella fica sbrodolante, penetrando quel corpo perfetto. Dopo qualche affondo lento e mirato, prese velocità mimando un amplesso con il ritmo frenetico di Paolo, per raggiungere l’orgasmo insieme; come se, a fottere selvaggiamente fossero stati loro due.

Mentre l’indice e il medio penetravano la passerina, il pollice della ragazza sgrillettava il clitoride, ben esposto alla vista. I suoi versi di piacere erano sinceri, visto che venivano accompagnati dal fruscio degli umori della fica bagnatissima.

Anche Silvia urlò di piacere quando sentì il seme caldo del suo uomo riempirle il ventre, ma la sua non era un’esternazione del tutto sincera. Quell’amplesso l’aveva lasciata più frustrata che mai. Anzi, la foga di Paolo le aveva fatto male e si era affrettata a scostarsi da lui per buttarsi supina sul letto, abbandonata come una bambola vecchia.

“Perché non movimentiamo un po’ le cose?” Propose Marianna, ansante.

Si rizzò in piedi per dirigersi verso Paolo e farlo alzare dal letto. Lo guidò verso la poltrona, ma, contrariamente alle aspettative, atterrò l’uomo sulla seduta.

“Reggiti il cazzo e preparati a godere!” Sibilò, quasi beffarda.

Tornò verso il letto, dove giaceva ancora Silvia, scomposta, incapace di reagire.

Porgendo la schiena all’uomo, Marianna sistemò la donna, spalancandole le cosce e iniziando a lambire il suo umore, penetrandola a tratti con la lingua rigida, aiutandosi con le dita per stimolarle il clitoride ancora gonfio e pronto a sfogarsi.

Lei si era sistemata a carponi, in modo da mostrare la topa vogliosa a Paolo, che aveva preso a masturbarsi come un ragazzino davanti a un filmino porno: raspava rumorosamente e senza ritegno, accompagnando quel suono guizzante con versi animaleschi.

“Perché non mi apri il culo, mentre io faccio godere la tua fidanzata?” Propose Marianna, voltandosi un attimo verso di lui e ammiccando maliziosamente. “Il sesso anale non viene considerato un vero tradimento, come neppure quello orale. Prendetemi come un tramite per il vostro piacere di coppia!”

L’uomo non se lo fece ripetere due volte, incitato anche dai mugolii di Silvia che apprezzava il gioco di lingua di quella porca che avevano rimorchiato.

Paolo posò prima le labbra in mezzo alle natiche di Marianna e fece scivolare la lingua all’interno per toccare il buco proposto.

Mhmm, entrava senza l’aiuto della mano ed era liscio e glabro. Quanti cazzi si erano già fatti strada in quel pertugio non troppo angusto?

Come a leggergli la mente, la ragazza, di nuovo vogliosa, prese a incitarlo.

“Forza, aprimi in due con il tuo cazzone, per te è una novità, forse, ma io sono ben allenata.”

Già, la piccola puritana che si bagnava nella sua bocca, ce l’aveva strettino. Aveva cercato di infilarle un dito pure lì, ma si era scostata, segno che anche una leggera pressione le faceva male. Non glielo aveva mai concesso e lui sembrava ansioso di provare.

Paolo inforcò quel culo irriverente come la sua padrona e si resse sulle tette che, in quella posizione, si allungavano verso il pavimento.

“Sei una vacca, sì, una vacca da monta!”

Lei non rispose, continuava a marinare la passera sotto la sua lingua, ma assecondò i movimenti dell’uomo per farlo penetrare più a fondo possibile.

Lui continuava a strizzarle le tette, mentre la cavalcava senza pietà, insultandola.

Per lei era una goduria. Cercava amanti occasionali proprio per farsi trattare da puttana, anche se non si faceva pagare. Il suo compenso erano gli orgasmi e quella sera si stava avvicinando al secondo.

Prese una delle mani di Paolo e se la portò alla fica che stava colando succo vischioso lungo le sue cosce e lui iniziò a sditalinarla in modo disordinato. Era impazzito, voleva toccare tutto, subito: clitoride, buco, tutta quella fregna slabrata e allagata di umore.

Lei guidò le sue dita nel profondo, in modo da stimolare le pareti interne da entrambe le parti per raggiungere il godimento assoluto. Glielo aveva fatto scoprire il primo uomo che l’aveva inculata ed era stato il paradiso dei sensi.

Urlò nella fica di Silvia che era già venuta, ma continuava a offrirsi alla lingua di Marianna.

Tutti avevano avuto la propria soddisfazione, lei più degli altri. Non le sarebbe dispiaciuto restare per la notte, aveva in mente ancora tanti giochini a tre da proporre. Ma quella cagacazzi di Silvia si era già alzata e, coprendosi con la maglietta raccolta da terra, le disse di andarsene, azzittendo le proteste di Paolo. A lui non sarebbe dispiaciuto riprovare quel culo accogliente.

“É stato divertente, ma ora puoi andare. Ti do i soldi per il taxi.”

Lei sorrideva con una faccia da schiaffi, tutta quella frustrazione la divertiva.

Prese a rivestirsi senza discutere, ma facendo ben attenzione a piegarsi a novanta per raccattare i propri capi d’abbigliamento, per mostrare ancora una volta le sue grazie. Anche la vestizione fu lenta e studiata, quasi più sensuale dello spogliarello. La stoffa la accarezzava e lei faceva delle espressioni lascive mostrando quanto fosse ancora sensibile.

Era stato piacevole, peccato che non ci sarebbe stato un bis. Ma aveva già in mente di cercare un’altra coppia per il weekend successivo. Il sesso a tre era decisamente meno noioso di quello di coppia.

2T2WCHf

Annunci

Informazioni su calloflife

Sono un'autrice soft erotica tra fantasy e gender short stories. Potete trovare i miei racconti in ebook sulle principali piattaforme digitali.
Questa voce è stata pubblicata in Racconti e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Racconto spinto

  1. Pingback: Volete promuovervi? Scrivete un porno. | Calloflife's Blog

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...