Trieste e i suoi caffè

Il luogo dove si cresce diventa parte integrante delle proprie esperienze e si riflette negli scritti. Io ho avuto la fortuna di nascere a Trieste, un luogo intriso di cultura letteraria, con i suoi storici caffè, dove si incontravano gli scrittori del secolo scorso e che ancora oggi fanno da sfondo a momenti culturali. Solitamente, tendo ad ambientare i miei racconti in un vago Nord Est Italia, ma vedrete che nel mio prossimo racconto si faranno riferimenti specifici a Trieste e alla storica tradizione del caffè.

Riporto di seguito, il risultato delle mie ricerche sul web riguardo alla storicità della cultura letteraria della mia città:

Trieste è, tra le altre cose, città di letteratura e di caffè: nel primo caso perché ha dato i natali a Italo Svevo e Umberto Saba, oltre ad ospitare James Joyce per più di un decennio e Franz Kafka per vari anni, mentre per il caffè l’affermazione si confà ad entrambi i significati del termine. E’ il principale porto del Mediterraneo per i traffici di caffè. Se per caffè si intende invece un bar storico, allora a Trieste le due parole letteratura e caffè si uniscono in molti caffè letterari che storicamente hanno ospitato questi e altri letterati e sono stati, ed in alcuni casi ancora lo sono, centri di scambio e confronto e luoghi di produzione e diffusione della cultura letteraria negli ultimi due secoli del millennio scorso.

I primi caffè a Trieste sorsero addirittura nella seconda metà del XVII secolo, su ispirazione degli omologhi veneziani ma subendo inizialmente una pesante influenza austriaca per arredi e prodotti offerti, e successivamente grazie alle numerose influenze su questo porto di mare nel centro del’Europa Meridionale acquisirono una caratterizzazione molto particolare, che si riscontra solo in questa città. Sorsero caffè di ogni tipo: politici, per ufficiali austriaci, per la borghesia, ma i più affascinanti sono sempre stati i caffè letterari, di cui ancora oggi sopravvive un buon numero, che attrae un pubblico variegato.

Dentro troverete ritmi molto lenti e anziani intenti a passare in rassegna i numerosi quotidiani, studenti universitari in fase di studio, e potrete imbattervi anche in incontri letterari o altre occasioni culturali di vario genere (mostre, premiazioni, presentazioni e così via). Non è raro incontrare ai tavolini di questi caffè anche alcuni tra gli scrittori contemporanei di Trieste: Paolo Rumiz, Fulvio Tomizza, lo scrittore e poeta della minoranza slovena Boris Pahor o il famoso Claudio Magris, che scrive “i caffè sono un luogo in cui si può stare contemporaneamente soli e tra la gente”. Circa alla metà del XIX secolo Trieste contava 54 caffè, numero che nel 1911 salì addirittura a 98.

Trieste è stata la città di Svevo, di Joyce, di Saba, una città di confine, una zona di scambio con la grande tradizione europea. In questo crogiuolo di etnie, in questo humus fertilissimo, sono sorte nel Novecento delle figure che hanno fatto la grande letteratura, hanno creato una nuova idea d’intellettuale, hanno preluso all’apertura europea dei confini nazionali. Per capire al meglio, quanto queste personalità e le loro opere siano state influenzate, nella narrazione, nelle descrizioni, nei colori, non vi è modo migliore che analizzare i contatti fra letteratura e arti figurative. Questo binomio è profondamente radicato negli scrittori triestini, così attaccati alle immagini, da non poter fare a meno di guardare continuamente all’aspetto artistico, allo sviluppo pittorico, allunico linguaggio che è comprensibile da tutti senza bisogno di traduzioni o del cimentarsi nella difficoltà di una nuova lingua.

Ricordo lo storico Caffè San Marco che fa ancora oggi da sfondo a presentazioni di libri ed eventi letterari, di cui riporto un’immagine storica.

images

Annunci

Informazioni su calloflife

Sono un'autrice soft erotica tra fantasy e gender short stories. Potete trovare i miei racconti in ebook sulle principali piattaforme digitali.
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...